L'Organo di  San Michele Arcangelo (Contigliano)
Adriano  Fedeli - 1747 

                 

  Torna alla Lista Organi Storici di Rieti
 Torna all'Home Page 

 

 

La Chiesa

La chiesa di San Michele Arcangelo e' stata edificata tra il 1689 e il 1777 su progetto dell'arch. romano Giovanni Antonio de' Rossi e corredato di cripta decorata nel 1750 dal pittore Gennaro Nicoletti. Il complesso della Collegiata ha la facciata principale suddivisa in due ordini raccordati da due ampie volute, liberamente ispirate ai modelli rinascimentali del Vignola.

L'Organo

L'organo Monumentale, la cui mostra di 12 piedi rimane unica nella provincia reatina, č stato costruito nel 1747 da Adriano Fedeli, anche per merito del mecenatismo operato dalla nobile famiglia dei Varano (vedasi il vicino castello di Terria).
La cassa e' assolutamente imponente, realizzata in noce, caratterizzata dalle grandi colonne classiche a lato della mostra ad ali divergenti e cuspide centrale (stessa foggia userā Fedeli per la mostra di Santa Chiara in Rieti)  e irta di volute, a legno naturale. Quasi duole che una cassa di volume tale racchiuda uno strumento di medie dimensioni; probabilmente la disponibilitā economica all'epoca ha consentito questa disposizione, tuttavia ricca. Lo strumento č basato infatti sul Principale di 16 piedi (reale di 12' in facciata, e si estende fino alla XXXVI; Cornetta, Flauti 8', 4' e in XVII completano la consueta disposizione dell'epoca. Sono presenti accessori come il Tiratutti a pedale, l'Uccelliera e 3 Zampogne pastorali.
La tastiera, di grande estensione (Do1 - Do6) ha 57 tasti e la prima ottava scavezza ed č in avorio finemente lavorata con chioccioline e intarsi sui tasti cromatici, ornata da modiglioni tipici della famiglia Fedeli.

RINFORZI AL PEDALE 16'

principale i  16'
(reale dal la1 IN FACCIATA)   
voce umana (S, 8)

principale ii 16'

flauto in ottava

ottava 8'

FLAUTO IN XII
quintadecima 4'
CORNETTA I S
dal sol# 3

decimanona (rit.Fa#5)

CORNETTA II
vigesimaseconda (RIT.dO#5)
 
vigesimasesta
(rIT fA#4,5)
 
vigesimanona
(rIT. dO#4,5)
 

TRIGESIMATERZA
(RIT. fA#3,4,5)

 

TRIGESIMASEstA
(rIT. dO#3,4,5)

 
tira tutti (dalla XIX)

 

Accessori: Uccelliera, Zampogna in Sol, Zampogna in Re (Forte), tiratuttI a pomello e 2 pedaletti a dx della pedaliera

Pedaliera a leggio di 17 tasti

Corista  444 Hz a 26°c


Lo strumento e' stato oggetto di restauro da parte della ditta Ruffatti negli anni '70. Purtroppo il tempo č stato inclemente ed oggi lo strumento presenta problemi di intonazione e di strasuoni per che rendono l'accordatura instabile ed il ripieno quasi insuonabile.
Fortunatamente il grande strumento e' assai usato per le funzioni e per una discreta attivitā concertistica, grazie alla sensibilitā del parroco, Don Ercole La Pietra.
Singolare la mancanza di un registro ad ancia per uno strumento di tali dimensioni: nei ricordi si narra (vecchio parroco) di una "bombarda" molto forte: forse una ancia nei bassi della stecca cornetta I, similarmente all'uso in molti strumenti romani dell'epoca, che avevano tromba nei bassi e cornetta soprani sempre unita (in molti contratti dell'epoca č descritto questo registro). Oggi non ve ne č traccia.

 

La collegiata

La vista dello strumento dall'altare maggiore

La Consolle a finestra, tastiera con frontalini e tasti cromatici finemente decorati

La Mostra di 12' con le tipiche bocche alla Fedeli

L'interno dello strumento, molto agevole il passo d'uomo

Arcobaleno dopo la visita

 

Torna all'Home Page 
Torna alla Lista Organi Storici di Rieti